Contacts +39 02 4547 1111|info@dronitaly.it

Ispezioni con i droni per le turbine eoliche in soli 15 minuti

2021-09-01T14:58:46+02:00 31 Agosto 2021|

L’azienda coreana Nearthlab, grazie ai suoi droni dotati di IA, permette risparmio di tempo, denaro e rischi rispetto ai metodi convenzionali.

Un certo numero di paesi nel mondo si sta rivolgendo sempre più all’elettricità prodotta dal vento per contrastare il cambiamento climatico, creando nuove opportunità per l’industria dei droni commerciali e le attività connesse.

Utilizzando droni e software abilitati all’intelligenza artificiale (IA), Nearthlab, una società start-up con sede in Corea del Sud, spera di ritagliarsi una nicchia nel mercato globale dell’ispezione delle turbine eoliche. “A seguito del boom delle energie rinnovabili, l’ispezione con i droni è diventata un’opzione favorevole per i proprietari e gli operatori dei parchi eolici“, ha detto in un’intervista Jay Choi, CEO e co-fondatore di Nearthlab.

Con i suoi droni autonomi, Nearthlab può condurre un’ispezione di una turbina eolica in circa quindici minuti, molto meno tempo di quello richiesto per altri metodi di ispezione. Il software di intelligenza artificiale del drone permette al veicolo aereo senza pilota di riconoscere la forma e la posizione delle pale della turbina e calcolare il percorso di volo ottimale per condurre l’ispezione. “Utilizzando la computer vision e il software AI, il drone vola costantemente lungo la pala mantenendo una distanza ravvicinata e costante per catturare i più piccoli dettagli“, afferma Choi. “Durante il suo volo, il drone raccoglie dati e scatta foto ad alta risoluzione. Poi carica il pacchetto di informazioni su una piattaforma di gestione dei dati per l’analisi. Una volta ricevuti i dati, il software AI della piattaforma di gestione dei dati li analizzerà per rilevare eventuali danni alle pale, e se trova dei difetti il software determinerà con precisione la dimensione e la posizione del danno”, continua Choi.

Combinare l’era spaziale e le tecnologie concrete

Choi ha combinato la sua formazione in ingegneria aerospaziale, con l’esperienza nel settore delle costruzioni per trovare l’ispirazione per il lancio di Nearthlab. Laureato al Korea Advanced Institute of Science and Technology, Choi ha rivelato di essersi interessato per la prima volta al settore aerospaziale visitando la NASA quando era più giovane. “Avevo il sogno di costruire robot e rover e di esplorare lo spazio“, ha detto. Dopo la laurea, ha lavorato come ingegnere di sistema e di controllo dei processi per Doosan Heavy Industries & Construction Co. dove ha imparato che uno dei lavori più difficili e pericolosi in un cantiere è l’ispezione delle infrastrutture. “A quei tempi era comune vedere persone che si arrampicavano per raggiungere la cima della ciminiera che si innalzava per più di 300 piedi, ed erano appese alla struttura con una sola corda“, ha affermato. “È stato allora che ho iniziato a vedere il potenziale dei droni“.

Il software Nearthlab può essere impiegato su più piattaforme di droni

Choi ha confermato che il software dell’azienda può essere utilizzato con diverse piattaforme di droni, a seconda delle esigenze dei clienti. L’assemblaggio finale dei prodotti di Nearthlab è fatto a livello locale, nelle filiali dell’azienda negli Stati Uniti e in Europa. Inoltre, Nearthlab commercializza due dei suoi modelli di drone, Nearth Wind Basic, il cui modello base è il DJI M20, e il Nearth Wind Pro, il cui modello base è il DJI M600. La versione Basic dispone di una fotocamera da 20,8 MP, capace di rilevare difetti di 1 millimetro di lunghezza. Il modello Pro dispone di una fotocamera da 45,7 MP ed è in grado di individuare e registrare difetti di 0,3 millimetri o più.

Mentre molti attori di primo piano in tutto il mondo offrono servizi simili di ispezione delle turbine eoliche, Choi ha detto che il software di Nearthlab si differenzia in quanto ha incorporato l’AI e le piattaforme di gestione dei dati nei droni stessi. “La piattaforma di gestione dei dati e l’intelligenza artificiale accorcia il tempo di consegna dei dati“, ha commentato Choi. “Questo aiuta i manager sul campo a ridurre il tempo necessario per condurre la manutenzione di routine e aiuta a garantire un flusso costante e ininterrotto di elettricità agli utenti finali“.

A livello globale, Nearthlab si concentra sul facilitare l’ispezione delle turbine eoliche onshore e offshore. Ma nel suo paese d’origine, la Corea del Sud, dove i programmi di energia eolica non sono così avanzati come in altre parti del mondo, l’azienda sta offrendo i suoi servizi di ispezione con i droni ad altri settori economici. “In Corea, il nostro portafoglio si estende non solo su un settore, ma anche su petrolio e gas, ferrovie, ponti e torri di raccolta. Perseguiamo vari campi, mentre forniamo dati pilotati da droni“, ha detto Choi. Nel frattempo, negli ultimi mesi l’industria coreana dell’energia eolica ha visto una serie di sviluppi chiave, e Choi ha affermato che vede un enorme potenziale per l’industria di crescere sostanzialmente nel prossimo futuro.

Nei prossimi cinque anni, con la crescita prevista dell’industria eolica e la maggiore digitalizzazione dell’industria energetica in generale, Choi ha detto che si aspetta di vedere una crescita sostanziale anche del business di Nearthlab. “Non vediamo l’ora di rafforzare il mercato fornendo i dati e servizi di ispezione affidabili. È così che aiutiamo l’industria ad andare avanti e ad andare molto più in alto“, ha concluso.

Fonte: Dronelife