Contacts +39 02 4547 1111|info@dronitaly.it

Stati Uniti: partnership tra Zipline e Novant

2020-05-27T16:18:06+02:00 29 Maggio 2020|

Droni forniranno stabilmente gli ospedali del North Carolina

Lo scorso 27 maggio la Zipline, società di trasporti via drone in campo medico sanitario, ha annunciato l’avvio di una partnership con la Novant Health, azienda sanitaria del North Carolina, negli Stati Uniti. In forza di una deroga alla Parte 107 della FAA, Zipline farà volare i droni da un centro di smistamento leggero verso un primo ospedale, a cui seguiranno molti altro nello stesso Stato.

Nel 2019 Zipline ha rubato la scena sul mercato non solo espandendo notevolmente le operazioni, ma anche ricevendo un investimento record di 190 milioni di dollari in aprile. In seguito a questo round di finanziamenti, l’azienda è stata valutata a 1,5 miliardi di dollari e si è classificata come Top Drone Service Provider nella lista DroneII del 2019 (QUI la notizia).

La consegna avviene senza contatto, eccezion fatta per il personale di terra che recupera il pacco. Il drone viene in origine posizionato su un binario nel centro di smistamento e le sue due eliche ruotano fino a quando un operatore decide di lanciarlo, fino a raggiungere la destinazione. Il pacco viene rilasciato dal drone, e con un paracadute scende a terra, dove un altro operatore lo recupera.

Il drone può caricare fino a 1,7 kg in un contenitore di circa 25×15 cm. Per i voli a isolamento termico che mantengono la stessa temperatura del pacco in volo, un carico utile di 1,3 kg può essere inserito all’interno di un contenitore isolato con uno spazio interno più piccolo. Per i carichi utili che devono essere tenuti al fresco, c’è anche l’opzione per uno scomparto interno ancora più piccolo che può ospitare circa 1 kg di peso.

Nel comunicato, Zipline e Novant dichiarano che la partnership inizierà con “la distribuzione senza contatto di dispositivi di protezione personale e di forniture mediche essenziali“. Affinché la consegna del drone fornisca un valore sufficiente a compensare i piccoli carichi utili paracadutati a terra, deve consegnare qualcosa di abbastanza importante da garantire il volo.

Per ora, il centro Zipline di Charlotte servirà esattamente un ospedale, ma se il percorso avrà successo e la FAA approverà, il servizio di consegna via droni potrebbe espandersi fino a coprire qualsiasi numero di ospedali nel raggio di 80 km dal centro di smistamento. Questo è il raggio massimo del drone per un viaggio di andata e ritorno, e con una velocità di crociera di circa 100 kmh, un drone carico può fare la sua consegna in meno di un’ora e poi tornare a casa.

Resta da vedere il successo della prima ondata di consegne, e se i rifornimenti lanciati saranno abbastanza tempestivi e utili da garantire il metodo di consegna. Utilizzare un unico magazzino per fornire i necessari, sebbene piccoli, pacchi a un’intera fascia dello Stato è l’ambizione finale, che potrebbe consentire la consegna di droni per integrare il lavoro essenziale svolto dagli esseri umani nelle catene di fornitura già esistenti.

Fonte e immagini: Zipline