Contacts +39 02 4547 1111|info@dronitaly.it

Droni parcheggiatori in aeroporto

2020-03-04T15:29:32+01:00 4 Marzo 2020|

“Stan” è il robot autonomo per i parcheggi outdoor

Stan, un parcheggiatore outdoor completamente autonomo, è ora operativo in alcuni aeroporti selezionati in Europa. Il robot utilizza GNSS, LiDAR e telecamere per spostare le auto in aree di parcheggio con la necessaria precisione a livello centimetrico, compreso il passaggio dall’esterno all’interno.

Un ricevitore rover GNSS multifrequenza Trimble BX992 a elevata navigabilità è presente all’interno del robot e due antenne Trimble AV59 GNSS sono montate in cima alla sua testa. Per raggiungere il massimo grado di localizzazione, una base Trimble BX992 e un’antenna Trimble Zephyr si trovano nei box in cui i clienti lasciano le loro auto. La base Trimble BX992 trasmette le correzioni RTK ai robot tramite un collegamento WiFi.

Stan impiega anche due scanner LiDAR e quattro telecamere. Le tecniche di localizzazione e mappatura simultanea (SLAM) basate su LiDAR aiutano a localizzare il robot e a costruire una mappa. Il sistema SLAM basato su LiDAR è sempre in funzione e integrata con la localizzazione GNSS e l’odometria.

Il LiDAR è per lo più critico nelle aree dove la disponibilità e l’affidabilità del GNSS non è sufficiente“, ha detto Anthony Troublé, robot team manager della Stanley Robotics. “La piena integrazione con il nostro sistema di localizzazione, in particolare il passaggio dall’interno all’esterno quando il robot entra in un box è stata una sfida. Abbiamo messo a punto e migliorato il nostro algoritmo di integrazione della localizzazione per ottenere il meglio da ogni componente e fornire un indice di confidenza costante“.

COME FUNZIONA

L’azienda inizia valutando la portata e la scala del parcheggio esistente. I dati storici dei parcheggi vengono compilati nei 12 mesi precedenti e, attraverso un simulatore, ottimizzano insieme il numero di robot e cabine necessarie. Una volta operativo, il robot crea la propria mappa in tempo reale per ogni missione scansionando i veicoli e regolando le dimensioni della sua rampa, che supporta e trasporta l’auto. Quando è pronto, Stan si aggancia alle ruote del veicolo e naviga con GNSS e LiDAR da una cabina a un parcheggio designato per le consegne e viceversa al ritorno del cliente.

Stanley Robotics controlla continuamente l’accuratezza, la disponibilità e la coerenza dei segnali di localizzazione RTK GNSS, SLAM e odometria. “Se questi segnali sono troppo incoerenti o se la confidenza generale è troppo bassa, i robot vengono fermati e un supervisore del sito viene avvisato“, ha detto Troublé. “Inoltre, il sito viene monitorato attraverso LiDAR e telecamere sul robot per prevenire qualsiasi collisione con gli ostacoli“.

Il primo parcheggio all’aperto gestito da robot ha aperto al pubblico nel 2018 a Lione, in Francia. Quattro robot Stan sono ora pienamente operativi nel parcheggio dell’aeroporto di Lione Saint-Exupéry, che può ospitare fino a 500 veicoli. Stanley Robotics aprirà 2.000 posti a Lione nell’estate del 2020. L’aeroporto cerca di espandere questo sistema fino a 6.000 posti. L’anno scorso, Stanley Robotics ha firmato un contratto con gli aeroporti di Gatwick nel Regno Unito.

Fonte: insideunmannedsystems.com