<< Dronitaly BLOG

Segnali positivi e “pieghe” della Circolare scuole

13 Giu 2016

10239299Alla fine (della primavera) questa benedetta circolare che chiarisce come dovrebbero funzionare le scuole è arrivata. Molti dei suggerimenti inviati da operatori, piloti e associazioni sono stati ascoltati – non tutti ovviamente – e ora il nostro comparto può funzionare in modo omogeneo e organizzato. Intanto qualche avvisaglia di maturità del settore l’abbiamo finalmente vista: le riprese per alcuni spot pubblicitari che ci stanno martellando alla televisione in questi giorni e le immagini dinamiche realizzate al mondiale rally in Sardegna, di cui riferisce ampiamente la stampa specializzata. Molto importante, in questo senso, l’aver dimostrato di saper lavorare in squadra con un aeroplano in loitering per fare da ponte radio, un elicottero in azione e la vicinanza di spazi aerei regolamentati e altri protetti da apposito NoTAm. Una dimostrazione anche di buona gestione delle frequenze radio usate da tutti gli attori.

Invece per capire come funzionerà questa circolare LIC-15 serve tempo, almeno un trimestre, durante il quale le organizzazioni di addestramento dovranno fare quel passo avanti per adeguarsi al regolamento, il che prevediamo che avverrà anche fondendosi tra loro e facendo sistema pur di mantenere le qualifiche. Queste figure obbligatorie, come l’Accountable Manager e il Safety Advisor, costano. Inoltre, la figura del Safety Advisor resta un po’ vaga, poiché seppure siano specificate le conoscenze minime che costui deve avere, non è chiaro se possa o meno avere altri incarichi all’interno della CA localmente o altrove. Speriamo di no, altrimenti che garanzia avremo di correttezza delle procedure e di evitare il conflitto di interessi?

Riguardo istruttori ed esaminatori il principio di Grandfather Right garantisce l’operatività fino alla fine del prossimo anno, tuttavia è prevedibile che entro l’autunno le scuole e gli operatori faranno pressione su Enac per… autorizzare? istituire? organizzare? i primi corsi FI-APR.
Mentre per gli Examiner-APR ci pensa Enac entro la fine dell’anno in corso, così come chiaramente indicato nella LIC-15. Qui nasce un dubbio: nel testo si evince che suddetti corsi FI possono essere istituiti e svolti presso i centri di addestramento, ma non è chiaro se prima del loro svolgimento debbano essere approvati da Enac oppure no. Il rischio, come accaduto già per il Volo Diporto e Sportivo (Vds) circa trent’anni fa e per l’Aviazione Generale quando entrarono in vigore le JAR, è che ci sia la corsa a diventare FI (o Examiner) e che presto il loro numero diventi sproporzionato rispetto a quello dei piloti. Su questo serve certamente un chiarimento, così come sua eventuale pre-selezione dei candidati o un loro tirocinio (che il Vds ha appena istituito), così come in futuro saranno necessarie sedute di standardizzazione. Probabilmente anche di questa LIC 15 vedremo la versione “B”.

LEAVE A COMENT